Game of Thrones Recensione CON SPOILER s08E04

“Gli Ultimi degli Stark”

Sconfitti il Re dei Ghiaccioli e tutti i suoi zombie, a Grande Inverno è ora di dare una ripulita e di organizzare la calata al Sud.
Grazie ad un accorato discorso di JonSnow, a metà traWilliamWallace e il Giuramento dei Guardiani della Notte, abbiamo l’occasione di celebrare i morti. Evocativo sì, ma poteva prendere meno parole in prestito da entrambi 😉

Daenerys pensa al suo futuro Regno, e decide di nominare Gendry Lord di CapoTempesta e di ufficializzare la sua discendenza tra i Baratheon. Ma sembra non essere abbastanza. Bruti e uomini del Nord sono fedeli a Jon, lo ammirano, idolatrano, lo chiamano Re. Lei osserva, mentre attende di trasformarsi in un personaggio Shakespeariano.

La sala è piena di gioia e voglia di celebrare la vita: tra un bicchierino, una battuta di spirito e una palpatina, un banale gioco di bevute si trasforma in un trampolino per la coppia più atipicamente-romantica della serie: Jaime e Brienne, che finalmente consumano…aiutati dal vino.

Animata dallo stesso vino, Daeny’ ha voglia di Jon. Il sentimento tra loro è forte e reale, però lei è cresciuta come se l’incesto fosse una cosa normale, mentre Jon sembra non riuscire a superarlo. La loro parentela sta diventando un problema, quella che prima era insicurezza ora diventa paranoia e Daenerys vuole insabbiare la questione e continuare come se niente fosse.
Peccato che Jon sia sempre molto poco astuto quando si parla di diplomazia e le conferma il suo sostegno, ma che informerà comunque le sorelle, loro devono sapere.
In modo del tutto comprensibile, Sansa sembra sconvolta dalla notizia che Jon non è uno Stark ma un Targaryen e la sua preoccupazione cresce fino al punto di confessare la cosa a Tyrion… forse la persona più giusta a adatta a gestire la notizia.

È tempo di pianificare l’attacco ai danni di Cersei e i sospetti di Daeny’ diventano certezze: l’appoggio promesso dagli Stark e dai suoi stessi sostenitori sembra venire a mancare, e Jon è costretto a darle un segnale di fiducia, quindi appoggia il piano a nome di tutti gli alleati.
Divisi tra mare e terra, l’esercito dei “buoni” si dirige verso Sud, e le cose vanno subito a scatafascio: la flotta di Daenerys con Tyrion, VermeGrigio e Varis viene fermata da EuronGreyjoy (il PirataPazzo) che, armato di mega balestre anti-drago, ne stende uno e lo spedisce sul fondo del mare.

Arrivata a livello “3000”, la rabbia di Daenerys sembra voler sfiatare come vapore dalle orecchie, ma rimane inespressa, come se non fosse ancora l’ora di sfogarla. Già, perché il nemico è vicino e la lucidità è necessaria per quello che sta per venire. Le parole di Varis e Tyrion non sembrano trovare ascolto e subito, i due ipotizzano: e se non fosse Daenerys a regnare, ma Jon? Tutto sembra possibile sulla carta, ma sarà fattibile?
Varys è convinto di sì, Jon è la risposta, ma Tyrion sembra essere ancora fedele alla Regina dei Draghi e vuole continuare a credere nella ragazza.

Giunti davanti alle porte della FortezzaRossa, ad Approdo del Re, quello che resta dell’esercito di Daenerys è in attesa delle forze partite via terra, che tardano ad arrivare.
Le condizioni poste alla Regina Cersei sono poche e chiare: arrenditi e non verrà fatto male a nessuno.
In uno stallo alla messicana degno di JohnWoo, Tyrion e Qyburn (il “prof. Frankenstein” della serie) discutono la resa, fino a quando il nano non decide di parlare direttamente alla sorella, che dall’alto delle mura osserva assieme al suo personale DarthVader, laMontagna. Assieme a loro c’è Missandey, la traduttrice e innamorata di VermeGrigio, presa in ostaggio durante l’attacco in mare.

Le parole di Tyrion suonano sempre cariche di buon senso e amore per la sorella che, nonostante tutto, è in ascolto. Ovviamente però, Cersei ha già pianificato tutto e sta solo aspettando il momento giusto per dare inizio allo scontro: Missandey viene decapitata dalla Montagna sulle mura davanti a Daenerys e al suo esercito. Ci siamo! La tromba ha squillato, inizino le danze.
Scaldate il vostro Drago e preparatevi, mancano due puntate al finale…”Dracarys!“.

[di Mannaggio]